Le schede sui musei della Campania sono in fase di stesura. Prossimamente sarà possibile accedervi.

Località Nome mostra Scadenza
Napoli PITTURA POMPEIANA 31/12/2014
Pontecagnano (SA) Contemporaneamente museo – nuove offerte per antichi dei 30/05/2013
     
     
 

LE SCHEDE DEI SITI ARCHEOLOGICI DELLA CAMPANIA: CLICCA SULLA PROVINCIA CHE TI INTERESSA NELLA CARTINA QUI SOPRA

Per segnalare variazioni o nuovi inserimenti scrivere a info@archemail.it

LE MOSTRE ARCHEOLOGICHE IN CORSO NEI MUSEI DELLA CAMPANIA

> IN MOSTRA A NAPOLI (NA)

 

PITTURA POMPEIANA

 

Riapre al pubblico la collezione delle pitture del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, un repertorio di affreschi, unico al mondo, restituiti dalle città vesuviane distrutte dall’eruzione del 79 d.C.
Questo eccezionale patrimonio, circa 400 opere, documenta la pittura di età romana, nella sua evoluzione e varietà, dal II al IV stile: dalle più sobrie pitture a incrostazione alle megalografie di Boscoreale in cui principi, filosofi e personificazioni si stagliano su un rosso pompeiano, indubbia eco della grande arte ellenistica, dalle architetture illusionistiche per incantare l’élite, fino ai più raffinati arabeschi dall’accattivante leggerezza e popolati di eroti, satiri, ballerine sospese nell’aria.
Colori antichi e dettagli mai visti, svelati grazie all’attività di pulitura e revisione dei recenti restauri, hanno consentito ai maggiori specialisti del settore di compiere nuove scoperte: confermare o rivedere le correnti interpretazioni iconografiche, ricostruire i contesti di provenienza all’interno di programmi figurativi più ampi, approfondire generi peculiari come la pittura popolare o il ritratto e, inoltre, indagare tutti gli aspetti della tecnica pittorica e dell’organizzazione dei cantieri.

L’esposizione, a cura di Mariarosaria Borriello e Valeria Sampaolo, consente anche di compiere un viaggio per immagini attraverso il mondo greco-romano: dagli dèi ed eroi del mito ai rituali del sacro, dalle scene di vita quotidiana fino all’erotismo, dai ritratti agli incunaboli della natura morta e del paesaggio. Il linguaggio delle immagini permette di considerare queste pitture non solo dal punto di vista stilistico e formale, ma anche e soprattutto in ragione del loro essere espressione di un immaginario collettivo forse non troppo lontano.

Sede: Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Periodo: fino al 31 dicembre 2014
Orari: Dalle 9 alle 19.30. Chiuso martedì
Tariffe: 10 euro intero; 6,75 euro ridotto; il Museo è inserito nel circuito Campania Artecard
Prenotazione obbligatoria per gruppi, scuole e visite didattiche:tel. 848800288 - + 39 081 4422149
 

> IN MOSTRA A PONTECAGNANO FAIANO (SA)

 

CONTEMPORANEAMENTE MUSEO - NUOVE OFFERTE PER GLI ANTICHI DEI

 

Con la mostra “contemporaneamente museo – nuove offerte per antichi dei”, il Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano Faiano (Salerno) apre i suoi spazi ad una iniziativa che propone una singolare convivenza:  le opere ceramiche originali dell’artista Wanda Fiscina affiancano i reperti dell’antica civiltà degli “Etruschi di frontiera”. La mostra é organizzata dalla Soprintendenza per i BSAE per le province di Salerno e Avellino di concerto con la Soprintendenza Archeologica per le province di Salerno Avellino Benevento e Caserta ed è curata da Maura Picciau e Maria Giovanna Sessa.
L’innovativo progetto espositivo, realizzato con la stretta collaborazione del Comune di Pontecagnano Faiano, guidato dal sindaco Ernesto Sica, verrà inaugurato il 28 febbraio alle ore 18.00 e sarà visitabile fino al prossimo 30 maggio. Negli spazi museali di recente costruzione si propone un singolare doppio viaggio tra antico e contemporaneo, offrendo nuove possibilità di fruizione di un patrimonio archeologico di inestimabile valore, il cui nucleo più consistente è rappresentato dai reperti provenienti da oltre 9000 sepolture che raccontano la storia dell’antico sito etrusco-campano, centro di culture, crocevia di popoli e di commerci con fenici ed egizi, aperto al sapere ed alla civiltà greca. Senza stravolgere l’originario allestimento le maioliche di Wanda Fiscina si affiancano ai ricchi corredi funerari di tombe principesche, in un gioco estetico fortemente evocativo di immagini ancestrali. Fiscina è un’artista che apre il suo animo mediterraneo ai miti della “Grande Madre”, all’intimo mistero femminino in cui fertilità e fecondità sono aggettivi e sostantivi che nel mondo antico non conoscono separazione, e i loro significati sono uniti in uno stesso concetto: il processo di dare e garantire la vita è connesso a quello della creatività, della civiltà e della cultura.
In occasione dell’inaugurazione, andrà in scena “Argillando”, performance teatrale a cura della Compagnia del Giullare, con la regia di Andrea Carraro.
Il catalogo della mostra è edito da arte'm e si avvale dei contributi critici di Adele Campanelli, Luca Cerchiai, Raffaele D’Andria, Fulvio Irace, Maura Picciau e Maria Giovanna Sessa.


info:
orari: tutti i giorni 9.30/19.00 - ingresso 2 euro
chiuso: tutti i lunedì

Per informazioni 089848181